26 Novembre 2008

1. Approvazione verbale seduta precedente.

Il Direttore, constatata la validità dell’adunanza, apre la seduta e chiede ai componenti del Consiglio se abbiano rilievi da fare al verbale del 8.10.2008 preventivamente inviato in visione.

Non essendovi rilievi il verbale del 8.10.2008 viene approvato all’unanimità.

 

2. Comunicazioni del Direttore.

- Il Direttore comunica che, per l’anno accademico 2008/2009, non è possibile rinnovare l’incarico di vice direttore al Prof. Duccio Balestracci che ha ottenuto il congedo per motivi di studio. Il Direttore chiede ai colleghi la disponibilità a ricoprire detto incarico.

- Il Direttore ricorda che l’apertura e la chiusura della nostra struttura, sede dei due Dipartimenti, è disciplinata da un orario (8,00-20,00) che deve essere rispettato; eventuali permanenze al di fuori dello stesso devono essere segnalate ai due direttori, che devono poter essere sempre a conoscenza delle presenze all’interno dei Dipartimenti.

- Il Direttore ricorda che la Commissione incaricata di istruire l’organizzazione del seminario di dipartimento per l’a.a. 2008/2009 ha inviato, a tutti i componenti del consiglio, un documento che dovrà essere ratificato e propone di discuterlo nelle varie ed eventuali.

 

3. Variazioni al Bilancio di Previsione 2008.

-Il Direttore illustra e quindi sottopone all’attenzione del Consiglio le sottoindicate variazioni al Bilancio di Previsione esercizio 2008 predisposte dal Segretario Amministrativo (All.3 A).

ENTRATE

5.51.03 Da Enti pubblici e privari € 654,04

5.51.07 dall’Ateneo per ricerca libera € 654,04

5.51.12 Interessi attivi € 97,12

5.51.03 Da enti pubblici e privati € 8.640,00

5.51.12 Interessi attivi € -97,12

5.51.12 interessi attivi € 97,12

13.72.08 Manutenzione ordinaria attr. e macch. € 500,00

 

SPESE

14.87.01 Ricerca scient. Finanziata dall’Univ. Ex 60% € 654,04

14.87.06 Contr e contrib. da enti pubb. e privati € 654,04

13.72.07 Acquisto materiale di consumo € 97,12

14.87.01 Ricerca scientifica Finanziata dall’Univ. Ex 60% € 654,04

14.87.06 Contr. e contrib. da enti pubb. e privati € 7.985,96

13.72.07 Acquisto materiale di consumo € -97,12

14.86.04 Acquisto mobili e macchine d’ufficio € 97,12

14.86.04 Acquisto mobili e macch. da ufficio € 500,00

 

Il Consiglio di Dipartimento approva all’unanimità, seduta stante, le variazioni al bilancio di previsione 2008.

 

 

4. Bilancio di previsione 2009.

-Il Direttore ed il Segretario Amministrativo presentano, ai componenti del Consiglio, il Bilancio di Previsione per l’esercizio 2009 dettagliandone i criteri che lo hanno ispirato. Il Direttore illustra inoltre la relazione, predisposta a corredo dello stesso, nella quale sono giustificate e commentate le voci più importanti e significative in entrata e in uscita.

Si apre un’ampia ed approfondita discussione nel corso della quale il Direttore e il Segretario Amministrativo forniscono risposte adeguate e soddisfacenti alle richieste di chiarimenti e di spiegazioni.

Al termine del dibattito il Consiglio approva all’unanimità, seduta stante, il Bilancio di Previsione esercizio 2009 (All. 4A), la Tabella dimostrativa del presunto avanzo di amministrazione al 31.12.2008 (All. 4B) e la relazione illustrativa del Bilancio di Previsione esercizio 2009. (All. 4C).

Il Consiglio all’unanimità approva seduta stante.

 

5. Aggregazione Dipartimenti.

Il Direttore illustra al Consiglio i contenuti delle riunioni, che si sono svolte negli ultimi giorni, sia con il Preside che con il Collegio dei Direttori di Dipartimento relativamente alla proposta di aggregazione dei dipartimenti richiesta dagli organi di governo dell’Università. Il Collegio dei Direttori richiede maggior tempo per discutere e decidere riguardo ad una operazione così importante per il futuro assetto del nostro Ateneo; dalla riunione con il Preside e i Direttori dei Dipartimenti della nostra Facoltà è comunque scaturita un’ ipotesi che prevederebbe la riduzione da 6 a 4 del numero dei Dipartimenti.

Si apre un’ampia discussione al termine della quale il Consiglio di Dipartimento prende atto della proposta presentata dalla Facoltà.

 

6. Verifica periodica attività didattica e scientifica ricercatori universitari

confermati (art. 33 del DPR 382/80)

 

-Il Direttore comunica che la Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli, ha presentato la relazione sull’attività scientifica per il triennio 2005/2008 prevista dall’art. 33 del D.P.R 382/80.

Il Direttore legge la seguente relazione:

 

Relazione triennale - 2005/2008 - Attività scientifica

 

Attività di ricerca

 

Gli interessi di ricerca sono rivolti alla storia della società comunale italiana che ha indagato, soprattutto, attraverso la storia delle élites cittadine senesi dei secoli XIII-XIV. Attraverso lo studio di alcuni segmenti familiari - elementi di primo piano dell’élite socio-economica cittadina – la ricercatrice ha voluto affrontare il problema del meccanismo della dirigenza nelle sue connessioni economiche e patrimoniali e del tipo di rapporto verificatosi tra preminenza sociale e organizzazione politica quale venne definendosi a Siena nei secoli finali del Medioevo, a partire dalla cesura antimagnatizia del 1277 (su cui vedi Pubblicazioni, saggi 1,3,4,5,6 infra). In tale solco si inserisce lo studio - attualmente in corso - della memoria delle famiglie senesi attraverso lo spoglio dei loro archivi, conservati presso l’Archivio di Stato di Siena.

Come è noto, a Siena, come in Toscana, e forse in Italia, il Seicento e soprattutto il Settecento, nel clima di rinnovamento culturale determinato dall’influsso delle correnti razionalistiche, rappresentano un momento fondamentale nell’organizzazione degli archivi di famiglia: da un primo esame condotto sui 35 archivi familiari conservati presso l’Archivio di Stato di Siena si desume che è ascrivibile infatti a questo periodo la maggior parte delle compilazioni degli strumenti di corredo alle carte, repertori, compendi, indici, spogli di contratti, che vanno di pari passo con la compilazione di storie genealogiche. Nel quadro di omologazione imposto dalla dinastia asburgo lorenese, la nobiltà doveva dar prova di sé: e per dimostrare, sul terreno delle certificazioni, la propria qualità fu costretta ad attingere a quella preziosa risorsa costituita dagli archivi familiari. Un tempestivo riordino del patrimonio documentario diventava pertanto, in pieno Settecento, indifferibile anche per l’innestarsi della legge su un fenomeno generale: il dilatarsi progressivo della produzione di documenti. Ad espletare questo lavorìo di riorganizzazione, di studio, di spoglio, di riordino, di scrittura, furono infaticabili ricercatori di antiche memorie, riordinatori di archivi, uomini di cultura, ecclesiastici, ma anche molto spesso uomini di governo, notai, archivisti, che si mostrarono disponibili a prestare la loro collaborazione presso i privati: Per la famiglia, anzi per il genealogista, si trattava di leggere il passato in funzione delle necessità presenti, di discernere quegli elementi positivi e funzionali per acquisire nuove posizioni di prestigio nella società, eliminando anche tutto ciò che fosse apparso di ostacolo. E certo, non tutte le tappe della storia familiare costituivano motivo di orgoglio. Nell’ambito di una relazione con il passato che è sempre elettiva e selettiva, alla famiglia (e al compilatore settecentesco) si offre un’alternativa fra la memoria e l’oblio. Gli avvenimenti sono dunque oggetto di una scelta e di una gerarchizzazione. Nella selezione, nella gerarchizzazione degli oggetti e dei soggetti, nella messa in ordine degli avvenimenti bisogna vedere il lavoro di ri-costruzione, di ri-fondazione dell’identità familiare : non si tratta solo di una registrazione passiva di una selezione delle cose del passato. Il memorabile è un “sapere” al presente: che procede per reinterpretazioni, sull’onda di esigenze interne alla famiglia, interne all’ideologia, al costume, al modello nobiliare. Poiché la sezione medievale di tali archivi è per lo più esigua, quando non inesistente, il mio intento è quello di schedare tutte le informazioni attinenti all’esistenza di documentazione familiare ancorabile ai secoli XII-XV di cui i compilatori settecenteschi fornisce notizia (in forma di regesto nelle liste di riseduti della famiglia o di notizie di contratti, compendi di pergamene ecc.) nelle ricche e variegate filze di Memorie che costituiscono l’ossatura del patrimonio archivistico familiare che si conserva all’Archivio di Stato di Siena e che è esemplare dello sforzo intrapreso, soprattutto nei secoli XVII-XVIII, da famiglie di più antica o recente nobiltà per rafforzare le basi ideologiche su cui plasmare il loro primato cetuale: uno sforzo che costituisce uno dei cardini su cui si struttura, si edifica, e viene proiettata nel futuro, la “memoria” dei nobili senesi (PAR PROGETTI “Memoria e identità, coordinatrice Gabriella Piccinni)

 

Un secondo progetto di ricerca, che sta svolgendo da qualche mese sulla base di documentazione edita ed inedita, ruota attorno all’idea di “fama” e “publica opinio” nell’Italia comunale.

 

Attraverso lo spoglio di documentazione di matrice pubblica (fonti giudiziarie, statuti), di fonti narrative (cronache, trattati, sermoni) e letterarie, mi propongo di definire che cosa è, come nasce, qual è il contenuto sociale e politico della pubblica fama (fama facti) nelle città dell’Italia comunale; quali le sue intersezioni con la (buona/cattiva) fama della persona (fama personae). Ci sono avvenimenti che non sono oggetto di esperienza diretta eppure sono conosciuti da tutti, senza che se ne sappia indicare una origine precisa, a volte non superano la soglia del pettegolezzo, della diceria, altre volte si propagano rapidamente e diventano pubblica fama. Il giudice cittadino incaricato di dirimere la controversia fondiaria che oppone, nel 1277, un magnate senese del lignaggio dei Piccolomini all’ospedale cittadino di Santa Maria della Scala, dopo aver ascoltato ed interrogato centodiciannove testimoni sul carattere pubblico dell’insultus compiuto dal magnate ai danni dell’ospedale (quod de predictis omnibus est publica fama et publice dicunt gentes et homines de contrata) probabilmente avrebbe dato ragione a Bartolo da Sassoferrato che giudicava la fama “indefinibile”. Le opinioni dei testimoni erano molto discordanti. Quando Dino Compagni cominciò il primo libro della sua Cronica avvertì il lettore che egli avrebbe scritto principalmente di ciò che aveva visto con i propri occhi - “il vero delle cose certe che vidi e udì” - delle altre, affermò, avrebbe narrato secondo la maggior fama. L’udienza, ovvero il sentito dire, ai suoi occhi non basta perché “molti”, dice, “secondo le loro volontà corrotte (con offesa deliberata della verità) trascorrono nel dire, e corrompono il vero”: dunque la fama è, nell’idea del cronista, fonte migliore e più alta dell’udienza: fonte corrotta. La fama di un fatto non sta sullo stesso piano del sentito dire: nel processo ricostruito da Julien Thery e celebrato agli inizi del Trecento contro il vescovo di Albi, accusato di abuso di potere, simonia, condotta impudica, irregolarità e crudeltà sistematiche, dilapidazione dei beni ecclesiastici, da due canonici della cattedrale che si presentarono di fronte al papa affermando il carattere pubblico dei crimini denunciati (de hoc est publica fama), l’audire dici a cui ricorrono i testimoni non si confonde mai con la fama, però vi è associato: il sentito dire corrisponde ad una fonte più limitata, di valore ridotto: se si usa il sentito dire vuol dire che non c’è fama, di contro se si cita la fama di un fatto non si è tenuti a citare altra fonte (Thery). Come è noto la publica fama assume nella Toscana, e nell’Italia, medievale valore giuridico. La più recente storiografia sui sistemi giudiziari ne ha rivelato l’ampio ricorso in sede processuale, almeno a partire dal XII secolo, parallelamente al peso che andava progressivamente acquistando nel processo di elaborazione dottrinaria intorno alle prove legali (Wickham 2000). Nel corso del XIII secolo mentre i giuristi si applicano al suo studio e i giudici la ammettono nei banchi dei loro tribunali, i governanti popolari se ne appropriano, la ‘pubblica fama diventa uno dei criteri connotativi della condizione magnatizia.Che il criterio connotativo della pubblica fama fosse il segno dell’impotenza popolare a definire una categoria sociale dai contorni troppo incerti (Heers, 1980;) appare lettura riduttiva. La storiografia ha dimostrato ampiamente la capacità dei governi popolari di attivare originali dispositivi culturali (Artifoni, Giansante, Maire Vigueur, Milani) per il rafforzamento della propria egemonia, ed è in tale area di indagine che a mio parere va collocato l’uso della ‘fama’: nel cortocircuito fra cultura giuridica e cultura politica il ricorso alla ‘fama’ come strumento probatorio da parte dei governi popolari si proponeva come operazione innovativa, dotata di alto valore simbolico e insieme pragmatico: mezzo di collegamento dell’immagine sociale con quella giuridica del ceto, essa è il corridoio che consente lo slittamento dalla percezione alla formalizzazione, è la sintesi fra vissuto e sue rappresentazioni. Lungi dal presentarsi come sintomo di debolezza, la sua utilizzazione politica e giudiziaria si connette piuttosto ad una volontà dirigistica e di controllo sociale che il popolo peraltro esprime a chiare note.

 

Infine, un terzo filone di ricerca riguarda il problema delle distruzioni punitive (edifici, palazzi, mura) in ambito urbano: il quadro cronologico e spaziale di riferimento è ancora l’Italia comunale: su questo tema ha presentato una relazione al convegno internazionale, La costruzione della città comunale organizzato nel maggio 2007 dal Centro studi di storia e d’arte di Pistoia (vedi infra).

 

Pubblicazioni, relazioni a convegni

 

  1. Il papa e il banco: gli affari romani dei mercatores senesi (XIII secolo), in Siena e Roma. Raffaello, Caravaggio e i protagonisti di un legame antico, Catalogo della mostra (Siena, Santa Maria della Scala, 25 novembre 2005 - 5 marzo 2006), Siena, Protagon editori toscani 2005, pp. 247-259.

  2. Siena e la strada. Quadri, reti, relazioni medievali, in La terra dei musei. Paesaggio, arte, storia del territorio senese, a cura di T. Detti, Firenze, Giunti 2006, pp. 69-83.

  3. Dal ‘banco’ al podere. Dinamiche sociali e comportamenti economici di una famiglia di magnati. I Piccolomini: (metà XIV secolo - metà XV secolo), in L’ultimo secolo della repubblica di Siena. Politica, e istituzioni, economia e società, a cura di M. Ascheri e F. Nevola, Atti del convegno “Siena nel Rinascimento. L’ultimo secolo della Repubblica”, (Siena, 28-30 settembre 2003), Siena 2007, pp. 247-294.

  4. Il traghettamento dei mercatores: dal fronte imperiale alla pars ecclesiae, in Fedeltà ghibellina, affari guelfi. Saggi e riletture intorno alla storia di Siena fra Due e Trecento, a cura di G. Piccinni, Pisa, Pacini editore 2008, pp. 61-102.

  5. La forza del credito. Banchieri senesi a Massa Marittima (secoli XIII-XIV), in “Le campagne dell’Italia centro settentrionale (secoli XII-XIV): la costruzione del dominio cittadino tra resistenze e integrazione”, a cura di R. Mucciarelli, G. Piccinni, G. Pinto, Siena, Protagon editori, in corso di stampa.

  6. La legislazione antimagnatizia e la figura del magnate. Alcune considerazioni su un’icona storiografica, relazione presentata al convegno L’eredità culturale di Gina Fasoli. Convegno di studi per il centenario della nascita, Bologna-Bassano del Grappa, 24-26 novembre 2005, in corso di stampa.

  7. Demolizioni punitive: guasti in città, relazione presentata al convegno La costruzione della città comunale italiana. Secoli XI- inizio XIV (Atti del convegno internazionale di studi, Centro Italiano di Studi di Storia e d’Arte, Pistoia 11-14 maggio 2007), Pistoia, Centro Italiano di Studi di Storia e d’Arte, in corso di stampa

Attività didattica

 

Nel corso del triennio ho svolto regolare attività didattica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Siena (vd. Insegnamenti).

Nel corso del triennio ho fatto regolarmente parte delle commissioni di esame della prof.ssa Gabriella Piccinni, professore ordinario di Storia Medievale e della prof.ssa Maria Ginatempo, professore associato di Storia Medievale.

Come componente del collegio docenti della Scuola di dottorato in “Storia e Archeologia del Medioevo. Istituzioni e Archivi”, istituita presso l’Università degli Studi di Siena (coordinatrice prof. Ssa Gabriella Piccinni), ho svolto attività didattica e di tutorato di tesi.

 

Insegnamenti

 

  • Nell’anno accademico 2005-2006, per un totale di 90 ore, è stato affidato: per supplenza l’insegnamento di Introduzione alla storia medievale, moderna, contemporanea (corso integrato), modulo 1, storia medievale, settore scientifico disciplinare M-STO/01 (Corso di Laurea in Storia Tradizione Innovazione); per supplenza l’insegnamento di Storia medievale 1 (30 ore) modulo di approfondimento 2, settore scientifico disciplinare M-STO/01 (Corso di Laurea in Storia Tradizione Innovazione); per supplenza l’insegnamento di Storia Medievale II, modulo I, (30 ore), settore scientifico disciplinare M-STO/01, rivolto agli studenti iscritti al Corso di Laurea in Conservazione, Gestione e Comunicazione dei Beni Archeologici, sede Grosseto.

  • Nell’anno accademico 2006-2007, per un totale di 90 ore, è stato affidato: per supplenza l’insegnamento di Introduzione alla storia medievale, moderna, contemporanea (corso integrato), modulo 1, storia medievale, settore scientifico disciplinare M-STO/01 (Corso di Laurea in Storia Tradizione Innovazione); per supplenza l’insegnamento di Storia medievale 1 (30 ore) modulo di approfondimento 2, settore scientifico disciplinare M-STO/01 (Corso di Laurea in Storia Tradizione Innovazione); per supplenza l’insegnamento di Storia Medievale II, modulo I, (30 ore), settore scientifico disciplinare M-STO/01, rivolto agli studenti iscritti al Corso di Laurea in Conservazione, Gestione e Comunicazione dei Beni Archeologici, sede Grosseto.

  • Nell’anno accademico 2007-2008 è stato affidato per supplenza l’insegnamento di Storia medievale I, modulo C (30 ore) settore scientifico disciplinare M-STO/01 (Corso di Laurea in Storia Tradizione Innovazione).

 

 

Al termine della lettura il Consiglio di Dipartimento nella seguente composizione:

<colgroup><col width="129"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="21"></col><col width="34"></col><col width="25"></col><col width="126"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="34"></col><col width="34"></col><col width="25"></col></colgroup>

 

F

C

Ast

Ass

Ass giust.

 

F

C

Ast

Ass

Ass

giust.

Prof.Duccio Balestracci

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Donatella Ciampoli

 

 

 

X

 

Prof. Giulia Maria Calvi

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Diana Colombo

 

 

X

 

 

Prof. Stefano Caretti

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Maria Ludovica Lenzi

 

 

X

 

 

Prof. Tommaso Detti

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Gaetano Greco

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli

 

 

 

 

X

Prof. Claudio Greppi

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Michele Pellegrini

 

 

 

X

 

Prof. Stefano Moscadelli

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Andrea Zagli

X

 

 

 

 

Prof.Carlo Pazzagli

X

 

 

 

 

Si.ra Daniela Salvadori

X

 

 

 

 

Prof. Gabriella Piccinni

X

 

 

 

 

Sig. Andrea Fanetti

X

 

 

 

 

Prof. Maria Ginatempo

X

 

 

 

 

Dott. Gianni Bonelli

 

 

 

 

X

Prof. Anna Guarducci

 

 

 

 

X

Dott. Domenico Pace

X

 

 

 

 

Prof. Sergio Raveggi

 

 

 

X

 

Dott. Sorelli Ughetta

 

 

 

 

X

Prof. Giampasquale Santomassimo

X

 

 

 

 

Dott. Leonardo Mineo

 

 

 

 

X

Prof. Ivano Tognarini

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Alberto Tovaglieri

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

(legenda: F=favorevole, C=contrario, Ast.=astenuto, Ass.=Assente, Ass. Giust.=Assente giustificato)

 

 

  • Viste le leggi sull’Istruzione Universitaria;

  • Visto l’articolo 33 del D.P.R. 382/80 ;

  • Considerata la pregevole e consistente attività di ricerca della Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli;

 

Delibera

 

E’ approvata la relazione relativa alla verifica periodica dell’attività scientifica per il triennio 2005-2008 della Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli.

 

La presente delibera, il cui testo viene letto ed approvato seduta stante, è dichiarata immediatamente esecutiva.

 

 

 

 

 

 

 

 

7. Conferma a Professore associato: inizio atti Prof.ssa A. Guarducci.

Il Direttore comunica che la prof.ssa Anna Guarducci, in data 31.10.2008, ha compito il triennio solare di insegnamento. E’ necessario, pertanto, che il Consiglio di Dipartimento approvi la relazione didattico-scientifica sulle attività svolte nel triennio (1 novembre 2005-31 ottobre 2008) dalla collega.

Il Direttore legge la seguente relazione:

 

Anna Guarducci è nata a Tavarnelle Val di Pesa il 31/03/1961 e risiede a Sesto Fiorentino in Via Fratelli Cairoli, 22.

E’ docente di ruolo di 2° Fascia non confermata per il settore scientifico-disciplinare M-GGR/01 (GEOGRAFIA), con idoneità conseguita nella valutazione comparativa presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (III sessione 2004), chiamata dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Siena (Dipartimento di Storia), con Decreto di nomina 954 del 26/10/2005, a decorrere dall’1/11/2005.

 

Possiede i seguenti titoli:

  1. Laurea in Pedagogia conseguita presso la Facoltà di Magistero dell'Università di Firenze (con tesi in Geografia) il 6-11-1992, con votazione di 110 e lode.

  2. Diploma del Corso di Perfezionamento in Storia Medievale, Moderna e Contemporanea conseguito nell’a.a. 1992-1993, presso la Facoltà di Magistero dell'Università di Firenze.

  3. Dottore di Ricerca in Geografia storica e organizzazione paesistico-territoriale, con titolo conseguito presso l’Università di Firenze l ‘11-04-2002, con tesi dal titolo “Il sistema termale toscano dal Medioevo ad oggi. Geografia storica e beni culturali”.

 

Fa parte del Consiglio della Sezione Toscana dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG), è socia del Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici (CISGE), della Società di Studi Geografici e dell’Associazione dei Geografi Italiani (AGEi).

 

Dal 2002 fa parte della redazione della “Rivista Geografica Italiana”.

 

E’ membro del Comitato Didattico del Corso di Laurea in Storia, Tradizione, Innovazione dell’Università di Siena.

Attività di docenza (cfr. punto 1)

Nel triennio Anna Guarducci ha svolto regolare attività di docenza nella Facoltà di Lettere e Filosofia di Siena (sedi di Siena e di Grosseto), con partecipazione alle commissioni per gli esami di profitto e di laurea (cfr. punto 1a.).

Allo stesso tempo, ha svolto attività di docenza nella Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento nella Scuola Secondaria (SSIS) della Toscana, sede di Siena, con attività costante di tutoraggio agli specializzandi e partecipazione alle commissioni d’esame.

Dall’aprile 2008, è responsabile delle classi di abilitazione 43/A, 50/A, 51/A, 52/A attivate presso la SSIS Toscana – sede di Siena per la disciplina GEOGRAFIA.

Sempre nell’ambito della SSIS, ha svolto attività di docenza anche nella sede di Firenze e, dal 2006, ha partecipato ogni anno alle commissioni d’esame finali presso la sede di Pisa (cfr. punto 1b.).

Si è occupata anche di aggiornamento degli insegnanti della scuola dell’obbligo e secondaria di 2° grado per la disciplina Geografia, con particolare attenzione alla Geografia Storica e alla Storia del Territorio (cfr. punto 1c.).

 

Attività di ricerca scientifica (cfr. punto 2)

 

Nel triennio, l’attività di ricerca si è indirizzata fondamentalmente sui seguenti temi:

  1. Studio del viaggio e delle rappresentazioni geografiche connesse al viaggio come metodo di ricostruzione geografico-storica.

Studi di carattere geografico-umano e geografico-storico con speciale attenzione per le pratiche amministrative di organizzazione delle risorse ambientali e infrastrutturali (strutture agrarie e forestali, bonifiche e sistemazioni fluviali, insediamenti, vie di comunicazione).

Studi sulle fonti documentarie per la geografia storica e la storia del territorio, con particolare attenzione all’iconografia e alla cartografia storica, specialmente per l’area toscana.

Ha fatto parte di due unità di ricerca nazionale finanziate dal MIUR (progetti “PRIN”) coordinate a livello locale da C. Greppi (Università di Siena) nei bienni 2004-2006 e 2006-2008, con partecipazione ad incontri, convegni e seminari e realizzazione di pubblicazioni scientifiche (cfr. punto 2a.).

Dal 2005 ad oggi ha svolto attività di studio e ricerca scientifica nell’ambito dei progetti “PAR” (Piano di Ateneo per la Ricerca dell’Università di Siena, in collaborazione con C. Greppi) sui temi della cartografia storica (XVI-XIX secolo) relativa al territorio senese, con coordinamento di attività di schedatura informatica delle fonti iconografiche svolta da giovani ricercatori nel Laboratorio di Geografia del Dipartimento di Storia dell’Università di Siena (cfr. punto 2b).

In questo ambito ha partecipato attivamente all’organizzazione di due giornate di studio tenutesi presso l’Archivio di Stato di Siena (cfr. punto 3).

Ha svolto quattro missioni di studio e ricerca all’estero finalizzate alla ricognizione e allo studio della documentazione, soprattutto iconografica, relativa alla Toscana prodotta nei secoli XVI-XIX:

tre a Parigi (23-28 ottobre 2006, 20-26 gennaio 2008, 6-13 aprile 2008), Archives de la Marine presso lo Chateaux de Vincennes e Bibliotéque Nazionale;

una a Praga (14-20 ottobre 2007), Archivio di Stato di Praga, fondo Lorena di Toscana, nell’ambito dell’accordo bilaterale stipulato fra l'Università di Siena e l’Università Carlo di Praga per la cooperazione nel campo della ricerca scientifica e dell'insegnamento e per lo scambio di docenti.

 

Ha fatto parte di un gruppo di ricerca promosso e finanziato dalla Provincia di Firenze sul tema dell’edilizia rurale, con particolare attenzione alle trasformazioni architettoniche e paesistiche avvenute dal secondo dopoguerra (crisi e scomparsa della mezzadria poderale) ad oggi (cfr. punto 2c.).

 

E’ coordinatore responsabile di un partenariato fra l’Università di Siena (Dipartimento di Storia) e la Regione Toscana per la realizzazione di una ricerca promossa e finanziata dall’Unione Europea (cfr. punto 2d).

 

Ha partecipato a numerosi incontri, convegni, seminari, ecc., intervenendo con presentazione di relazioni scientifiche a 21 di questi (cfr. punto 4).

 

Dalla sua attività di ricerca scientifica, svolta con regolarità nel triennio, sono scaturite 19 pubblicazioni (compresa la cura di un volume), tutte edite in riviste specializzate, volumi collettanei, atti di convegni, oltre a due monografie.

 

Dettaglio dell’attività svolta nel triennio

1. Attività di Docenza

 

1a. Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Siena:

 

2005-2006

  1. Modulo Geografia 1, Corso di Laurea in Conservazione, Gestione e Comunicazione dei Beni Culturali (Sede di Grosseto), 30 ore

Modulo Geografia B, Corso di Laurea in Lingue e Letterature Straniere, 30 ore

Modulo Geografia C, Corso di Laurea in Scienze dei Beni Storico-Artistici, Musicali, Cinematografici e Teatrali, 30 ore

2006-07

  1. Modulo Geografia 1, Corso di Laurea in Conservazione, Gestione e Comunicazione dei Beni Culturali (Sede di Grosseto), 30 ore

Modulo Geografia B, Corso di Laurea in Lingue e Letterature Straniere, 30 ore

Modulo Geografia C, Corso di Laurea in Scienze dei Beni Storico-Artistici, Musicali, Cinematografici e Teatrali, 30 ore

2007-08:

  1. Modulo Geografia B, Corso di Laurea in Lingue e Letterature Straniere, 30 ore

Modulo Geografia C, Corsi di Laurea in Scienze dei Beni Storico-Artistici, Musicali, Cinematografici e Teatrali e Scienze dei Beni Archeologici, 30 ore

Modulo Geografia Storica, tutti i Corsi di Laurea Magistrale, 30 ore

2008-2009:

  1. Modulo Geografia B, Corso di Laurea in Lingue e Letterature Straniere, 30 ore

Modulo Geografia C, Corsi di Laurea in Scienze dei Beni Storico-Artistici, Musicali, Cinematografici e Teatrali e Scienze dei Beni Archeologici, 30 ore

Modulo Geografia Storica, tutti i Corsi di Laurea Magistrale, 30 ore.

 

 

Dal 2006-07 ad oggi:

 

  1. Incontri periodici di presentazione dei moduli didattici di Geografia e partecipazione alle commissioni per gli esami di profitto presso la Casa di Reclusione di S. Gimignano (loc. Ranza)

 

1b. Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento nella Scuola Secondaria (SSIS) della Toscana:

Sede di Siena

VII (2005-2006); VIII (2006-07) e IX (2007-08) ciclo:

  1. docenza di Geografia Umana, Geografia Storica, Storia della cartografia, Geografia delle lingue, Didattica della Geografia, per un totale di 60 ore per ciclo;

attività di tutoraggio agli studenti, soprattutto nella stesura dei progetti didattici richiesti al fine dell’esame finale;

partecipazione alle commissioni di esame (finale e di passaggio);

Sede di Firenze

Docenza di Geografia Regionale nel corso speciale (Legge 143) (ore 10, VIII ciclo)

Sedi di Firenze, Pisa e Siena

Dal 2005-2006 ad oggi: partecipazione agli esami di Stato finali

 

1c. Corsi di aggiornamento e didattica nelle Scuole Primarie e Secondarie di 1° e 2° grado

Marzo-maggio 2006:

  1. Docenza di Didattica della Geografia, nell’ambito di un Corso di aggiornamento per insegnanti di Scuola Elementare e Scuola Secondaria di 1° grado (Circoli 1° e 2° di Poggibonsi, Siena), finalizzato all’ elaborazione di un curriculum verticale di Geografia; ore 10; sede: Poggibonsi.

 

Febbraio-Marzo 2007:

  1. Docenza di Geografia e Storia del territorio nell’ambito del Corso di aggiornamento in Storia e Geografia (Modulo Antropologico) per insegnanti Scuola Elementare e Scuola Secondaria di 1° grado (Circoli di Sesto Fiorentino, Calenzano e Polo Educativo Firenze Ovest); ore 12; sede: Sesto Fiorentino.

 

Marzo 2006, Marzo 2007, Marzo 2008:

  1. Lezioni-conferenza di Geografia Storica, per gli studenti della Scuola Secondaria di 2° grado “G: Giusti” di Firenze sul tema: “Levoluzione dell’edilizia colonica e il paesaggio della mezzadria”; 2 ore ciascuna.

 

Aprile 2007:

  1. Lezione-conferenza di Geografia Storica, nell’ambito del Corso di Aggiornamento per insegnanti delle Scuole Secondarie di Siena (organizzato dal coordinatore della SSIS di Siena), sul tema: “La geografia delle fortificazioni nella Toscana Medicea”.

 

 

2. Attività di ricerca scientifica

 

2a. Progetti di ricera “PRIN”

 

2005-2006:

  1. Partecipazione all’attività dell’Unità di ricerca locale (coordinata da C. Greppi) nell’ambito della ricerca PRIN “Studi e ricerche per un Dizionario Storico dei Cartografi Italiani/DISCI” (coordinatore scientifico nazionale Ilaria Caraci) e realizzazione di n. 96 schede biografiche (di cui 10 in collaborazione con L. Rombai) sui cartografi operanti in Toscana fra XVI e XIX secolo e di n. 10 schede biografiche (di cui 5 in collaborazione con L. Rombai) sulle istituzioni pubbliche addette alla produzione cartografica in Toscana nei secoli XVI-XIX. Tutti i materiali (in corso di rielaborazione per la pubblicazione sul WEB) sono consultabili presso la sede del coordinamento scientifico nazionale (Università di Roma Tre, Prof. C. Cerreti) e presso la sede dell’Unità locale (Dipartimento di Storia, Università di Siena).

 

2006-2008:

  1. Partecipazione all’attività dell’Unità di ricerca locale nell’ambito della ricerca PRIN “Cartografia e Paesaggio” (coordinatore scientifico nazionale C. Cerreti) e realizzazione di una ricognizione delle raccolte di mappe o cabrei riferite a patrimoni familiari o di istituzioni cittadine ecclesiastiche, assistenziali e cavalleresche conservate in gran numero negli archivi di Stato di Firenze, Lucca, Pisa, Pistoia e Siena, al fine di individuare i diversi ambiti paesistico-agrari della Toscana (specialmente settecentesca) con riferimento alle varietà dei sistemi agrari in termini subregionali e locali.

 

2b. Progetti di ricerca “PAR” (Piano di Ateneo per la Ricerca)

Dal 2005-2006 ad oggi:

  1. Coordinamento dell’attività di schedatura e riproduzione del materiale cartografico conservato presso l’Archivio di Stato di Siena per il Progetto “Archivio Storico della Cartografia Senese/ASCS”, in fase di elaborazione presso il Laboratorio di Geografia del Dipartimento di Storia dell’Università di Siena, nell’ambito del Protocollo d’Intesa stipulato dal Dipartimento di Storia e dall’Archivio di Stato di Siena.

Al momento, il Data Base, consultabile presso le postazioni informatiche del Laboratorio di Geografia e dell’Archivio di Stato di Siena, è composto da 1000 schede relative ad altrettante mappe.

Attualmente, è in corso un lavoro di ricognizione delle fonti cartografiche conservate presso altre conservatorie senesi, in particolare l’Archivio dello Spedale di S. Maria della Scala ed alcune famiglie private.

E’ anche in fase di elaborazione un progetto per la pubblicazione sul WEB del Data Base.

  1. Schedatura analitica e studio comparativo della raccolta cartografica, consistente in 76 mappe, del fondo Comune di Colle di Val d’Elsa. Carte topografiche Morozzi, conservato presso l’archivio di Stato di Siena, con pubblicazione a stampa del relativo catalogo.

Studio analitico del catasto settecentesco di S. Quirico d’Orcia al fine della ricostruzione geo-storica dell’assetto paesistico del territorio di quella comunità nella seconda metà del XVIII secolo con comparazione dei dati con la cartografia attuale.

Studio delle problematiche relative al rinnovamento degli strumenti fiscali nel XVIII secolo in Toscana e ricognizione dei catasti geometrico-particellari realizzati fra fine Settecento e primo Ottocento.

 

2c. Collaborazione con enti pubblici della Toscana

 

2006-2008

  1. Ricerca su incarico della Provincia di Firenze- Assessorato Agricoltura Caccia e Pesca sul tema L’edilizia rurale e il paesaggio agrario nella Provincia di Firenze. Materiali per il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Firenze (con Patrizia Labò, Rita Monaci e Giovanna Pessina, gruppo di lavoro coordinato da Leonardo Rombai).

 

2d. Progetti di ricerca internazionale

 

2007-2008

  1. Attività di responsabile del partenariato stipulato fra il Dipartimento di Storia e la Regione Toscana-DG Sviluppo Economico-Settore cultura e sviluppo economico, per la realizzazione di Una banca dati della cartografia e iconografia storica della costa toscana e dell’arcipelago, nell’ambito del progetto europeo “ArcheoMed”- Programma Interreg III B Méditerranée Occidentale.

In questo contesto ha svolto l’attività di coordinamento di altri ricercatori e dei tecnici-informatici (esperti in Geographic Information System/GIS) coinvolti nel progetto.

Allo stesso tempo ha svolto una ricognizione, con relativa schedatura analitica di tipo informatico, della cartografia storica conservata in archivi e biblioteche toscani e in alcune conservatorie parigine (Chateaux de Vincennes e Bibliotéque Nationale) al fine di uno studio delle trasformazioni territoriali e paesistiche del litorale toscano fra XVI e XIX secolo.

 

3. Organizzazione di eventi scientifici

 

  1. 15 Dicembre 2005: Giornata di Studio dal titolo L’immagine del territorio. Progetti di catalogazione informatica dei documenti cartografici dell’Archivio di Stato di Siena, organizzata per conto del Dipartimento di Storia dell’Università di Siena e dell’Archivio di Stato di Siena nell’ambito delle attività di ricerca svolte in collaborazione fra i due enti; sede: Archivio di Stato di Siena.

  1. 22 maggio 2008: Seminario di Studio dal titolo La Geografia in Archivio. Percorsi di ricerca nelle fonti documentarie dell’Archivio di Stato di Siena, organizzato per conto del Dipartimento di Storia dell’Università di Siena e dell’Archivio di Stato di Siena nell’ambito delle attività di ricerca svolte in collaborazione fra i due enti; sede: Archivio di Stato di Siena.

 

 

4. Partecipazione attiva (con presentazione di contributo) a convegni, seminari, presentazioni di volumi

 

  1. 13-15 ottobre 2005, La Spezia: Convegno Internazionale di Studi su L’altro Mediterraneo fra percezione, invenzione scientifica e modernità (organizzato da: Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, Università di Parma e di Genova).

Relazione dal titolo: Il Mediterraneo nei resoconti sei-settecenteschi delle scorrerie navali dei Cavalieri di S. Stefano.

 

  1. 15 dicembre 2005, Siena: Giornata di Studio su L’immagine del territorio. Progetti di catalogazione informatica dei documenti cartografici dell’Archivio di Stato di Siena (organizzata da: Archivio di Stato di Sdiena e dal Dipartimento di Storia dell’Università di Siena).

Relazione dal titolo: Le mappe del fondo Morozzi.

 

  1. 29-31 maggio 2006, Roma: Convegno internazionale Mundus Novus. Amerigo Vespucci e la sua eredità. Manifestazioni conclusive delle Celebrazioni vespucciane (organizzato da: Centro Italiano per gli Studi Storici e Geografici, Società Geografica Italiana).

Relazione dal titolo: La riforma provinciale nella Toscana settecentesca e le carte amministrative di Ferdinando Morozzi: il significato della raccolta senese.

 

  1. 8-9 giugno 2006, Torino: Seminario di Studi su: Storie di cartografi, storia della cartografia: la biografia nella ricerca geografica (organizzato da:Università degli Studi di Torino)

Relazione dal titolo: Ferdinando Morozzi: cartografo e territorialista toscano della seconda metà del XVIII secolo. Problemi e metodi per la redazione di un profilo biografico.

 

  1. 22 giugno 2006, Genova: Seminario di Studi su

Professione cartografo. Apporti locali e intrecci internazionali visti dall’osservatorio ligure (organizzato da: Università degli Studi di Genova).

Relazione dal titolo: Rapporti cartografici fra Granducato di Toscana, Lorena e Austria (XVIII sec.) (con L. Rombai).

 

  1. 11-15 settembre 2006, Firenze; 11th International Seminar Forum UNESCO/University and Heritage su Documentation for conservation and development. New heritage strategy for the future (organizzato da: Forum UNESCO, Università degli Studi di Firenze)

Relazione dal titolo: Historical cartography and landscape: cultural heritage of Tuscany (Italy).

 

  1. 30 novembre 2006, Firenze: Giornata di Studi su Agricoltura, architetture e paesaggi. Realtà e prospettive per lo svilippo sostenibile del territorio fiorentino (organizzata da: Provincia di Firenze e Università degli Studi di Firenze)

Presentazione ipertesto dal titolo: Un patrimonio ambientale e culturale da conoscere, tutelare e valorizzare. Il paesaggio agrario e le case contadine del territorio fiorentino, fra passato e presente. Dalla raccolta fotografica di Elio Conti

 

  1. 7 dicembre 2006, Follonica: Giornata di Studio su: Toscana o no. La Maremma come frontiera (organizzata da: Comune di Follonica, Istituto di Ricerca sul Territorio e l’Ambiente, Università di Pisa)

Relazione dal titolo: La Maremma, terra del latifondo mediterraneo. Realtà e percezione.

 

  1. 16 dicembre 2006, Grosseto: Presentazione pubblica del libro Maritima. Scritti di topografia storica per lo studio dei caratteri originari dell’assetto territoriale della provincia di Grosseto, autore Gaetano Prisco (Firenze, Innocenti, 2006) (organizzata da: Provincia di Grosseto-Assessorato alla Cultura)

Intervento sull’apparato cartografico contenuto nel volume.

 

  1. 5-6 marzo 2007, Roma: Seminario di Studi su Dalla Mappa ai GIS (organizzato da: Laboratorio Geocartografico “Giuseppe Caraci”, Università degli Studi Roma Tre

Relazione dal titolo: Il catasto lorenese e la ricostruzione del paesaggio in alcune comunità del Senese del primo Ottocento. L’attività del Laboratorio di Geografia dell’Università di Siena (con C. Greppi)

 

  1. 26 maggio 2007: Giornata di Studi su I saperi popolari in Valdinievole tra Pietro Leopoldo e l’Unità d’Italia (organizzato da: Associazione Culturale Buggiano Castello)

Relazione dal titolo: “Passar l’acque” in Toscana fra ‘700 e ‘800: le cure termali tra medicina professionale e saperi popolari.

 

  1. 16 giugno 2007, Villa di Frassineto (Arezzo): Manifestazione culturale su Immagini e storia della Valdichiana, (organizzato da: Osservatorio per la tutela e la valorizzazione della Valdichiana e Comitato per la tutela della Valdichiana)

Presentazione del libro Atlante della Valdichiana. Cronologia della bonifica, autore Gian Franco Di Pietro (Regione Toscana, Livorno, Debatte Editore, 2005)

 

  1. 11 luglio 2007, Perugia: Manifestazione espositiva su La bonifica della Valdichiana tre passato e presente (organizzato da: Provincia di Arezzo, Provincia di Perugia)

Presentazione del libro Atlante della Valdichiana. Cronologia della bonifica, autore Gian Franco Di Pietro (Regione Toscana, Livorno, Debatte Editore, 2005)

 

  1. 10 novembre 2007, Grosseto: Presentazione pubblica del libro Matrimonio di sangue, autore Mario Sica (Firenze, Pagliai Polistampa, 2007) (organizzata da: Provincia di Grosseto)

Intervento sui contenuti paesistici e territoriali presenti nel volume

 

  1. 7 gennaio 2008, Pisa: Workshop su: Contributo della Toscana al Progetto Archeomed (organizzato da: Regione Toscana)

Relazione dal titolo: Ricerca e catalogazione delle rappresentazioni spaziali del litorale continentale e dell’arcipelago toscano

 

  1. 22 maggio 2008, Siena: Seminario di Studio su La Geografia in Archivio. Percorsi di ricerca nelle fonti documentarie dell’Archivio di Stato di Siena (organizzato da: Università degli Studi di Siena e Archivio di Stato di Siena)

Relazione dal titolo: L’Archivio Storico della Cartografia Senese (ASCS). Presentazione del Prodotto del Laboratorio di Geografia dell’Università di Siena.

 

  1. 5-6 giugno 2008, Verona: Convegno nazionale di Studi: Cartografia di paesaggi. Paesaggi nella cartografia (organizzato da: Università degli Studi di Verona, Centro Italiano per gli Satudi Storico-Geografici)

Relazione dal titolo: Cabrei toscani dei secoli XVI-XIX. Un contributo allo studio dei paesaggi storici (con a L. Rombai)

 

  1. 5-6 luglio, Roma: Séminaire International su “ARCHEOMED - Etudes, intégration des connaissances sur le patrimoine culturel maritime de la Méditerranée (organizzato da: Ministero per i beni e le attività culturali, Direzione Generale per i beni archeologici e Regione Toscana)

Relazione dal titolo: Una banca dati della cartografia storica della costa toscana e dell’arcipelago (con M. Piccardi e L. Rombai)

 

  1. 24-26 settembre 2008, Grosseto: Convegno Internazionale su: Geografie del Popolamento (organizzato da: Università degli Studi di Siena)

Presidenza della Sessione Città e patterns urbani (con M. Quaini)

 

  1. 27 settembre 2008, Grosseto: (organizzato da: Archivio di Stato di Grosseto)

Relazione dal titolo: La costa vista dal mare. Il litorale grossetano nelle carte della Marina Francese e Toscana

 

  1. 3-4 ottobre 2008, La Spezia: Convegno Internazionale su: Disegnare le rive. Il paesaggio costiero fra rappresentazione e gestione

Relazione dal titolo: Una banca dati della cartografia e iconografia storica della costa toscana e dell’arcipelago (con M. Piccardi)

 

Elenco delle pubblicazioni

 

Saggi pubblicati in volumi collettanei, riviste specializzate, ecc.

 

GUARDUCCI A., Istruzioni di viaggio e politica del territorio. Visite e inchieste amministrative nel Senese e nelle Maremme (secoli XVI-XVIII), in BOSSI M. e GREPPI C. (a cura di), Viaggi e Scienza. Le istruzioni scientifiche per i viaggiatori nei secoli XVII-XIX, Firenze, Leo. S. Olschki, 2005, pp. 71-98.

 

GUARDUCCI A., La cartografia delle bonifiche della Valdichiana (secc. XVI-XIX), in DI PIETRO G. F. (a cura di), Atlante della Valdichiana. Cronologia della bonifica, Regione Toscana (Livorno, Debatte Editore), 2005, pp. 77-88.

 

GUARDUCCI A., Il territorio e la popolazione, in Guide d’Italia. Pisa e Provincia, Milano, Touring Club Italiano, 2005, pp. 10-14.

 

GUARDUCCI A. (con ROMBAI L.), Le vedute pittoriche e il viaggio (tra reale e virtuale) nella Toscana sette-ottocentesca, "Geotema", 27 (2005), pp. 79-92 (Guarducci ha scritto le pp. 81-92).

 

GUARDUCCI A. (con AZZARI M.e ROMBAI L.), Viareggio nella cartografia dei secoli XV-CVIII. Contese territoriali, confini e vie di comunicazione, in BERTUCCELLI MIGLIORINI A.V. e CACCIA S., Mirabilia Maris. Visioni cartografiche e resoconti di viaggio, Pisa, ETS, 2006, pp. 23- 35.

 

GUARDUCCI A., Le nuove colture americane e le crisi alimentari della seconda metà del XVIII secolo. Il dibattito tra i Georgofili fiorentini, in CONTI S. (a cura di), Profumi di terre lontane. L’Europa e le ‘cose nove’, Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici (Genova, Brigati), 2006, pp. 243-261.

 

GUARDUCCI A., Schede, in GUARDUCCI A. (a cura di), Mappe e potere. Pubbliche istituzioni e cartografia nella Toscana moderna e contemporanea (secoli XVI-XIX), Trame nello spazio. Quaderni di geografia storica e quantitativa. 2, Firenze, All'Insegna del Giglio, 2006, passim.

 

GUARDUCCI A. (con ROMBAI L.), Da Firenze al Museo di Fucecchio, in Museo di Fucecchio. Guida alla visita del museo e alla scoperta del territorio, Firenze, Edizioni Polistampa, 2006, pp. 121-138.

 

GUARDUCCI A. (con ROMBAI L.), Da Firenze al Museo della Collegiata di Sant’Andrea a Empoli, in Museo della Collegiata di Sant’Andrea a Empoli. Guida alla visita del museo e alla scoperta del territorio, Firenze, Edizioni Polistampa, 2006, pp. 133-150.

 

Historical cartography and landscape: cultural heritage of Tuscany (Italy), in BINI M., BERTOCCI S., MECCA S., Documentation for conservation and development. New heritage strategy for the future. 11th International Seminar (“Forum UNESCO/University and Heritage”, Firenze, 11-15 settembre 2006), Firenze, University Press, 2006, p. 163.

 

GUARDUCCI A. (con AZZARI M, CASSI L. e ROMBAI L.), Il bosco. Rappresentazioni e denominazioni, in Bosco e cultura. Il bosco nella vita spirituale e culturale dell’uomo, Firenze, Edizioni Vallombrosa, 2007, pp. 63-90.

 

GUARDUCCI A. (con PASQUINUCCI M. et alii), Ricerche integratee valorizzazione del patrimonio culturale marittimo della Toscana, in GRAVINA F. (a cura di), Comunicare la memoria del Mediterraneo. Strumenti, esperienze e progetti di valorizzazione del patrimonio culturale marittimo, Naples-Aix-en-Provence (Bari, Edipuglia), 2007, pp. 15-33.

 

GUARDUCCI A., “Passar l’acque” in Toscana fra ‘700 e ‘800: le cure termali tra medicina professionale e saperi popolari”, in Atti del Convegno su “Istruzione e saperi popolari da Pietro Leopoldo all’Unità d’Italia (Buggiano Castello, 26 maggio 2007), ed. Comune di Buggiano (Buggiano, Tipolito Vannini), 2008, pp. 133-174.

 

GUARDUCCI A., Le terme nella storia, in GRILLOTTI DI GIACOMO M. G., Atlante tematico della acque d’Italia, Genova, Brigati, 2008, pp. 413-414.

 

GUARDUCCI A. (con CANTILE A.), Gioacchino Callai, architetto, ingegnere e cartografo, in CANTILE A. (a cura di), Toscana geometrica. La prima corografia geodetica regionale e il contributo dell’Osservatorio Ximeniano, Firenze, Istituto Geografico Militare, 2008, pp. 213-217.

 

GUARDUCCI A. (con GREPPI C.), Cartografia e paesaggi storici. L’attività del Laboratorio di Geografia del Dipartimento di Storia dell’Università di Siena, in MASETTI C. (a cura di), Atti del 1° Seminario “Dalla Mappa al GIS”, Genova, Brigati, 2008, pp. 215-229.

 

GUARDUCCI A., Il Mediterraneo nei resoconti sei-settecenteschi delle scorrerie navali dei Cavalieri di Santo Stefano (Granducato di Toscana), in CERRETI L. ROSSI L., Mediterranei, Reggio Emilia, Diabasis, 2008 (in corso di stampa).

 

GUARDUCCI A., Ferdinando Morozzi: cartografo e territorialista toscano della seconda metà del XVIII secolo. Problemi e metodi per la redazione di un profilo biografico, in PRESSENDA P. (a cura di), Storie di cartografi, storia della cartografia: la biografia nella ricerca geografica, Torino, Edizioni Dell’Orso (in corso di stampa).

 

GUARDUCCI A., Boundary Surveying in the Italian States in The History of Cartography, in EDNEY M. and PEDLEY M. s. (edited by), Volume Four: Cartography in the European Enlightenment, University of Chicago Press (in preparazione per la stampa).

 

Cura di volumi

 

GUARDUCCI A. (a cura di), Mappe e potere. Pubbliche istituzioni e cartografia nella Toscana moderna e contemporanea (secoli XVI-XIX), Trame nello spazio. Quaderni di geografia storica e quantitativa. 2, Firenze, All'Insegna del Giglio, 2006.

 

Monografie

 

GUARDUCCI A., Cartografie e riforme. Ferdinando Morozzi e i documenti dell’Archivio di Stato di Siena, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2008.

 

GUARDUCCI A., L’utopia del catasto nella Toscana di Pietro Leopoldo. La questione dell’estimo geometrico-particellare nella seconda metà del Settecento, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2008 (in corso di stampa).

 

 

Al termine, il Consiglio di Dipartimento, nella seguente composizione:

<colgroup><col width="132"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="22"></col><col width="34"></col><col width="25"></col><col width="130"></col><col width="20"></col><col width="21"></col><col width="25"></col><col width="34"></col><col width="25"></col></colgroup>

 

F

C

Ast

Ass

Ass giust.

 

F

C

Ast

Ass

Ass

giust.

Prof.Duccio Balestracci

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Donatella Ciampoli

 

 

 

X

 

Prof. Giulia Maria Calvi

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Diana Colombo

X

 

 

 

 

Prof. Stefano Caretti

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Maria Ludovica Lenzi

X

 

 

 

 

Prof. Tommaso Detti

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Gaetano Greco

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli

 

 

 

 

X

Prof. Claudio Greppi

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Michele Pellegrini

 

 

 

X

 

Prof. Stefano Moscadelli

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Andrea Zagli

X

 

 

 

 

Prof.Carlo Pazzagli

X

 

 

 

 

Si.ra Daniela Salvadori

X

 

 

 

 

Prof. Gabriella Piccinni

X

 

 

 

 

Sig. Andrea Fanetti

X

 

 

 

 

Prof. Maria Ginatempo

X

 

 

 

 

Dott. Gianni Bonelli

 

 

 

 

X

Prof. Anna Guarducci

 

 

 

 

X

Dott. Domenico Pace

X

 

 

 

 

Prof. Sergio Raveggi

 

 

 

X

 

Dott. Sorelli Ughetta

 

 

 

 

X

Prof. Giampasquale Santomassimo

X

 

 

 

 

Dott. Leonardo Mineo

 

 

 

X

 

Prof. Ivano Tognarini

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Alberto Tovaglieri

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

(legenda: F=favorevole, C=contrario, Ast.=astenuto, Ass.=Assente, Ass. Giust.=Assente giustificato)

 

  • Viste le leggi sull’Istruzione Universitaria;

  • Visto il DPR 11.7.1980, n. 382 ed in particolare l’art. 23;

  • Vista la lettera del Prof. Roberto Venuti, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia;

  • Considerata la pregevole e illustre attività della Prof.ssa Anna Guarducci.

 

 

Delibera

 

E’ approvata la relazione sull’attività didattico/scientifica svolta della Prof.ssa Anna Guarducci nel triennio 1.11.2005-31.10.2008.

La presente delibera, il cui testo viene letto ed approvato seduta stante, è dichiarata immediatamente esecutiva.

 

 

8. Contratti e convenzioni, compensi e borse di studio.

Il Direttore porta a ratifica del Consiglio il compenso relativo al lavoro di traduzione del format attinente alla laurea magistrale LM-84 Documentazione e ricerca storica.

 

Docente proponente: Prof. Carlo Pazzagli;

Oggetto: Tradizione in lingua inglese del format laurea magistrale LM-84 documentazione e ricerca storia;

Importo della prestazione: € 298,37 lordo complessivo.

 

Il Consiglio di Dipartimento, nella seguente composizione:

<colgroup><col width="132"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="22"></col><col width="34"></col><col width="25"></col><col width="130"></col><col width="20"></col><col width="21"></col><col width="25"></col><col width="34"></col><col width="25"></col></colgroup>

 

F

C

Ast

Ass

Ass giust.

 

F

C

Ast

Ass

Ass

giust.

Prof.Duccio Balestracci

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Donatella Ciampoli

 

 

 

X

 

Prof. Giulia Maria Calvi

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Diana Colombo

X

 

 

 

 

Prof. Stefano Caretti

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Maria Ludovica Lenzi

X

 

 

 

 

Prof. Tommaso Detti

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Gaetano Greco

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli

 

 

 

 

X

Prof. Claudio Greppi

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Michele Pellegrini

 

 

 

X

 

Prof. Stefano Moscadelli

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Andrea Zagli

X

 

 

 

 

Prof.Carlo Pazzagli

X

 

 

 

 

Si.ra Daniela Salvadori

X

 

 

 

 

Prof. Gabriella Piccinni

X

 

 

 

 

Sig. Andrea Fanetti

X

 

 

 

 

Prof. Maria Ginatempo

X

 

 

 

 

Dott. Gianni Bonelli

 

 

 

 

X

Prof. Anna Guarducci

 

 

 

 

X

Dott. Domenico Pace

X

 

 

 

 

Prof. Sergio Raveggi

 

 

 

X

 

Dott. Sorelli Ughetta

 

 

 

 

X

Prof. Giampasquale Santomassimo

X

 

 

 

 

Dott. Leonardo Mineo

 

 

 

X

 

Prof. Ivano Tognarini

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Alberto Tovaglieri

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

(legenda: F=favorevole, C=contrario, Ast.=astenuto, Ass.=Assente, Ass. Giust.=Assente giustificato)

  • Vista la particolarità della prestazione e l’urgenza del lavoro da svolgere;

  • Tenuto conto del possesso di specifiche competenze professionali evidenziate dal curriculum della Dott.ssa Stefania De Franco (All. 8A);

  • Accertata la disponibilità della Dott.ssa De Franco a svolgere il lavoro richiesto nei tempi previsti

 

Delibera

 

È approvata la ratifica del compenso per la traduzione del format relativo alla laurea magistrale LM-84 Documentazione e ricerca storica.

 

Letto ed approvato all’unanimità seduta stante.

 

Il Direttore porta a ratifica del Consiglio il contratto di edizione tra il Dipartimento e la Casa Editrice PLUS- Pisana Libraria Universitatis Studiorum s.c.r.l., con sede in Pisa, relativo alla stampa del volume “ Giacomo Matteotti – scritti economici e finanziari” a cura del Prof. Caretti.

 

Il Consiglio di Dipartimento, nella seguente composizione:

<colgroup><col width="132"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="22"></col><col width="34"></col><col width="25"></col><col width="130"></col><col width="20"></col><col width="21"></col><col width="25"></col><col width="34"></col><col width="25"></col></colgroup>

 

F

C

Ast

Ass

Ass giust.

 

F

C

Ast

Ass

Ass

giust.

Prof.Duccio Balestracci

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Donatella Ciampoli

 

 

 

X

 

Prof. Giulia Maria Calvi

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Diana Colombo

X

 

 

 

 

Prof. Stefano Caretti

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Maria Ludovica Lenzi

X

 

 

 

 

Prof. Tommaso Detti

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Gaetano Greco

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli

 

 

 

 

X

Prof. Claudio Greppi

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Michele Pellegrini

 

 

 

X

 

Prof. Stefano Moscadelli

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Andrea Zagli

X

 

 

 

 

Prof.Carlo Pazzagli

X

 

 

 

 

Si.ra Daniela Salvadori

X

 

 

 

 

Prof. Gabriella Piccinni

X

 

 

 

 

Sig. Andrea Fanetti

X

 

 

 

 

Prof. Maria Ginatempo

X

 

 

 

 

Dott. Gianni Bonelli

 

 

 

 

X

Prof. Anna Guarducci

 

 

 

 

X

Dott. Domenico Pace

X

 

 

 

 

Prof. Sergio Raveggi

 

 

 

X

 

Dott. Sorelli Ughetta

 

 

 

 

X

Prof. Giampasquale Santomassimo

X

 

 

 

 

Dott. Leonardo Mineo

 

 

 

X

 

Prof. Ivano Tognarini

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Alberto Tovaglieri

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

(legenda: F=favorevole, C=contrario, Ast.=astenuto, Ass.=Assente, Ass. Giust.=Assente giustificato)

  • Vista l’urgenza della prestazione;

  • Accertata la disponibilità finanziaria per la copertura della spesa;

 

Delibera

 

È approvata la ratifica del contratto per la stampa del volume“ Giacomo Matteotti – scritti economici e finanziari” a cura del Prof. Stefano Caretti. L’importo previsto ammonta a € 2480,00 (All.8B).

 

La presente delibera è approvata seduta stante.

 

9. Partecipazione dei membri del Dip.to ad iniziative culturali, consorzi,

ecc..

Il Direttore comunica che i colleghi: Duccio Balestracci, Tommaso Detti, Maria Ginatempo, Roberta Mucciarelli, Michele Pellegrini, Gabriella Piccinni, Sergio Raveggi sono stati confermati membri afferenti al Centro Interdipartimentale per lo studio dell’ospedale di Santa Maria della Scala.

 

 

 

 

10. Varie ed eventuali.

 

-Il Direttore sottopone all’approvazione del Consiglio la richiesta, presentata dal Prof. Fabio Gabrielli e dalla Prof. Gabriella Piccinni, di rinnovo del Centro Interdipartimentale per lo studio dell’Ospedale di Santa Maria della Scala.

 

Docenti proponenti: Prof. Gabriella Piccinni, Prof. Fabio Gabrielli.

Oggetto: richiesta di rinnovo del Centro Interdipartimentale per lo studio dell’Ospedale di Santa Maria della Scala.

Allegati: Verbale della riunione del Comitato tecnico scientifico del Centro, seduta del 19.11.208 (All. 10 A); lettera di richiesta dei Proff. Piccinni e Gabrielli. (All. 10 B).

 

Si apre una breve discussione al termine della quale il Consiglio di Dipartimento, nella seguente composizione:

<colgroup><col width="132"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="22"></col><col width="34"></col><col width="25"></col><col width="130"></col><col width="20"></col><col width="21"></col><col width="25"></col><col width="34"></col><col width="25"></col></colgroup>

 

F

C

Ast

Ass

Ass giust.

 

F

C

Ast

Ass

Ass

giust.

Prof.Duccio Balestracci

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Donatella Ciampoli

 

 

 

X

 

Prof. Giulia Maria Calvi

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Diana Colombo

X

 

 

 

 

Prof. Stefano Caretti

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Maria Ludovica Lenzi

X

 

 

 

 

Prof. Tommaso Detti

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Gaetano Greco

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli

 

 

 

 

X

Prof. Claudio Greppi

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Michele Pellegrini

 

 

 

X

 

Prof. Stefano Moscadelli

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Andrea Zagli

X

 

 

 

 

Prof.Carlo Pazzagli

X

 

 

 

 

Si.ra Daniela Salvadori

X

 

 

 

 

Prof. Gabriella Piccinni

X

 

 

 

 

Sig. Andrea Fanetti

X

 

 

 

 

Prof. Maria Ginatempo

X

 

 

 

 

Dott. Gianni Bonelli

 

 

 

 

X

Prof. Anna Guarducci

 

 

 

 

X

Dott. Domenico Pace

X

 

 

 

 

Prof. Sergio Raveggi

 

 

 

X

 

Dott. Sorelli Ughetta

 

 

 

 

X

Prof. Giampasquale Santomassimo

X

 

 

 

 

Dott. Leonardo Mineo

 

 

 

X

 

Prof. Ivano Tognarini

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Alberto Tovaglieri

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

(legenda: F=favorevole, C=contrario, Ast.=astenuto, Ass.=Assente, Ass. Giust.=Assente giustificato)

 

  • Viste le leggi sull’Istruzione Universitaria;

  • Visto il DPR 382/’80;

  • Visto lo Statuto dell’Università degli Studi di Siena;

  • Visto il regolamento dei Centri di Ateneo dell’Università degli Studi Siena;

  • Visto il D.R. n. 988/2002-2003 del 1.08.2003 con il quale è stata confermata l’istituzione del Centro Interdipartimentale per lo Studio dell’Ospedale di Santa Maria della Scala ed approvato il relativo regolamento;

  • Visto il verbale della riunione del Comitato tecnico scientifico del centro, seduta del 19.11.20088;

  • Ravvisato l’interesse del Dipartimento di Storia a mantenere l’adesione al suddetto Centro interuniversitario;

  • Considerato che l’adesione a tale Centro non comporta, oltre le spese ordinarie di carattere gestionale e generale, ulteriori spese aggiuntive dirette e che, in ogni caso, qualora dovessero verificarsi rimarrebbero a carico dei docenti aderenti al Centro e dei quali si fa garante il Dipartimento;

 

Delibera

 

E’ approvato il rinnovo del Centro Interdipartimentale per lo studio dell’Ospedale di Santa Maria della Scala, con modalità retroattiva dal 1.08.2008, per altri 5 anni, fino al 31.07.2013.

 

La presente delibera, il cui testo viene letto ed approvato seduta stante, è dichiarata immediatamente esecutiva.

 

Il Direttore comunica che i colleghi Claudio Greppi e Anna Guarducci hanno rappresentato il Dipartimento nell’ambito della Festa della Geografia, che si è svolta nei giorni scorsi a Firenze presso la Fortezza da Basso, relazionando sui loro progetti di ricerca.

 

Il Direttore sottopone all’attenzione del Consiglio la proposta, presentata dalla Prof.ssa Piccinni, Direttrice della Scuola di Dottorato di Ricerca Riccardo Francovich: storia e archeologia nel medioevo. Istituzioni e archivi, di trasferire la segreteria amministrativa della scuola stessa dal Dipartimento di Archeologia al nostro Dipartimento.

 

Il Consiglio di Dipartimento, nella seguente composizione:

<colgroup><col width="132"></col><col width="20"></col><col width="20"></col><col width="22"></col><col width="34"></col><col width="25"></col><col width="130"></col><col width="20"></col><col width="21"></col><col width="25"></col><col width="34"></col><col width="25"></col></colgroup>

 

F

C

Ast

Ass

Ass giust.

 

F

C

Ast

Ass

Ass

giust.

Prof.Duccio Balestracci

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Donatella Ciampoli

 

 

 

X

 

Prof. Giulia Maria Calvi

 

 

 

 

X

Prof. Aggr. Diana Colombo

X

 

 

 

 

Prof. Stefano Caretti

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Maria Ludovica Lenzi

X

 

 

 

 

Prof. Tommaso Detti

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Gaetano Greco

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Roberta Mucciarelli

 

 

 

 

X

Prof. Claudio Greppi

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Michele Pellegrini

 

 

 

X

 

Prof. Stefano Moscadelli

X

 

 

 

 

Prof. Aggr. Andrea Zagli

X

 

 

 

 

Prof.Carlo Pazzagli

X

 

 

 

 

Si.ra Daniela Salvadori

X

 

 

 

 

Prof. Gabriella Piccinni

X

 

 

 

 

Sig. Andrea Fanetti

X

 

 

 

 

Prof. Maria Ginatempo

X

 

 

 

 

Dott. Gianni Bonelli

 

 

 

 

X

Prof. Anna Guarducci

 

 

 

 

X

Dott. Domenico Pace

X

 

 

 

 

Prof. Sergio Raveggi

 

 

 

X

 

Dott. Sorelli Ughetta

 

 

 

 

X

Prof. Giampasquale Santomassimo

X

 

 

 

 

Dott. Leonardo Mineo

 

 

 

X

 

Prof. Ivano Tognarini

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

Prof. Alberto Tovaglieri

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

(legenda: F=favorevole, C=contrario, Ast.=astenuto, Ass.=Assente, Ass. Giust.=Assente giustificato)

  • Vista la richiesta della Prof.ssa Gabriella Piccinni;

  • Visto il verbale del Collegio dei docenti della Scuola di Dottorato di Ricerca Riccardo Francovich: storia e archeologia nel medioevo. Istituzioni e archivi, seduta del 6.10.2008;

  • Preso atto del verbale del Consiglio di Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti;

 

Delibera

 

 

E’ approvata la proposta del Collegio dei docenti della Scuola di Dottorato di Ricerca Riccardo Francovich: storia e archeologia nel medioevo. Istituzioni e archivi relativa al trasferimento della segreteria amministrativa della scuola. (All. 10 C)

 

Il Direttore, riprendendo l’argomento già introdotto in Comunicazioni, ricorda che è stata preventivamente inviata dalla commissione incaricata per l’organizzazione del seminario di Dipartimento una nota (All. 10 D) nella quale venivano comunicati gli appuntamenti previsti per il mese di novembre.

Si apre una breve discussione al termine della quale la collega Lenzi rinnova la richiesta di valutazione sul tema da lei già sottoposto alla commissione. La commissione conferma che tratterà l’argomento nella prossima riunione.

Il Consiglio di Dipartimento, all’unanimità, ratifica le iniziative relative al programma presentato per il mese di novembre.

 

Esauriti gli argomenti dell’ordine del giorno e non essendovi altro da trattare, la seduta è tolta alle ore 16.00.

 

 

IL SEGRETARIO                              IL DIRETTORE

(Sig.ra Daniela Salvadori)                (Prof. Carlo Pazzagli)