Medioevo delle campagne

Copertina di "Medioevo delle campagne"

 

Il volume costituisce un itinerario nel mondo rurale italiano in una fase cruciale della sua storia, destinata per pił versi a condizionare l'evoluzione. fra IX e XV secolo cambia, infatti, completamente il volto delle campagne italiane e dunque la vita dei contadini: le superfici coltivate crescono enormemente a seguito dell'incremento demografico, i boschi arretrano, vengono bonificati gli acquitrini e le paludi, nascono nuovi paesaggi. In queste pagine una particolare attenzione viene indirizzata al rapporto tra proprietari terrieri e coltivatori, rapporto testimoniato principalmente dai contratti agrari; questi, grazie anche all'apporto di fonti di altra natura, pongono di fronte ai problemi della vita quotidiana delle popolazioni rurali, consentono di leggere l'evoluzione della rendita fondiaria, illustrano i ritmi del lavoro dei campi. Approfondimenti specifici hanno per oggetto il lavoro delle donne, il governo del territorio e dell'agricoltura da parte delle cittą, le forme in cui si esprime il malessere dei contadini di fronte alla prepotenza signorile e alla pressione padronale.